Menú idiomas
Lorena Porres y Cecilia Nocilli. Foto: I. Delgado

Circa 1455: La musica e la danza intorno Domenico da Piacenza

Questo programma intende riunire la musica e la danza nel contesto della vita e della produzione del maestro Domenico da Piacenza (ca. 1390/1400 - ca. 1470/76).

La codificazione coreica europea inizia nel XV secolo quando l'espressione libera ed estemporanea del danzare medievale lascia spazio ad una concezione umanistica e neoplatonica della danza come «actione dimostrativa di fuori di movimenti spiritali» in concordanza con l'armonia della musica e del cosmo. La teoria e gli insegnamenti di Domenico da Piacenza costituiscono la base del danzare all'italiana, celebre anche nel resto d'Euopa.

Con il suo trattato De arte saltandi et choreas ducendi (ca. 1450-55), Domenico eleva la danza da arte meccanica a arte liberale, come la musica. La teoria del trattato vuole dimostrare che la danza è una virtù e, come tale, deve essere considerata allo stesso livello della musica.

L'equilibrato programma è composto da coreografie e brani vocali e strumentali interpretati secondo la prassi esecutiva dell'epoca e con strumenti copie di originali.